www.primapersona.eu/lazio

Modernizzare il mercato del lavoro

Negli ultimi anni le trasformazioni produttive del lavoro hanno scosso certezze e assetti consolidati ma non hanno portato ad approdi chiari per la regolazione del lavoro. È evidente che le condizioni della competizione globale richiedono aggiustamenti dei modelli organizzativi aziendali che domandano ai lavoratori maggiore impegno e una più precisa corresponsabilizzazione. I lavoratori e le loro rappresentanze devono misurarsi con questi cambiamenti oggettivi accettando e rielaborando meccanismi di flessibilità organizzativa.

Il nuovo welfare deve avere la forza di guardare in maniera dinamica e attiva alla valorizzazione di ogni persona come risorsa per sé e per la comunità, a prescindere dalla sua condizione anagrafica, economica, formativa e di salute. E’ assolutamente necessario attuare politiche efficaci per incentivare l’assunzione di lavoratori dipendenti giovani, anche perché il sistema contributivo non si autofinanzia interamente. Le recenti norme che hanno introdotto il prolungamento progressivo dell’attività lavorativa e la revisione periodica dei coefficienti di calcolo contributivo non costituiscono una salvaguardia sufficiente del sistema pensionistico, se i giovani contribuenti vengono meno perché riescono ad impiegarsi solo tramite l’apertura di partite iva fittizie e contratti a progetto. Sul fronte dei lavoratori “senior”, occorre, da una parte, promuovere ed incentivare delle politiche di interscambio generazionale, utili ai lavoratori prossimi al pensionamento ed ai giovani che saranno assunti per sostituirli e, dall’altra, prevedere delle forme flessibili di anticipazione del pensionamento per coloro che perdono l’occupazione in un’età in cui è arduo riuscire a ricollocarsi. Queste sono le tematiche oggetto della nostra discussione:

 

1. Come promuovere e sostenere lo sviluppo di una politica del lavoro efficace ed evitare che il lavoro diventi una variabile dipendente, passiva e da adattare, dei processi globali?

 

2. Quali possono essere le modalità e i meccanismi per aiutare e facilitare l’entrata nel mondo del lavoro dei giovani?

 

3. Ambiente e lavoro è un binomio spesso difficile: come garantire uno sviluppo sostenibile?

 

4. Come riattualizzare un patto non asimmetrico tra imprese e lavoro capace di garantire a tutti i soggetti del processo produttivo il loro spazio vitale e come riuscire a conciliare tempi di lavoro, benessere e produttività ?

Tags

Voting

15 votes
Idea No. 6