www.primapersona.eu/lazio

Giovani e futuro: Pensa 2040, il futuro siamo noi

Pensa2040.it è la prima campagna nazionale a rendere protagonisti i giovani nella redazione del Rapporto 2040, che identifica le priorità per il nostro paese nei prossimi 30 anni.

 

Oltre 3000 ragazzi della generazione Millennium partecipano al cambiamento nei forum off e on line organizzati dalla onlus Co2 crisis opportunity www.theco2.org.

 

Nella prima fase, Pensa 2040 ha intervistato 1000 studenti universitari italiani, hanno partecipato all’iniziativa anche i maggiori atenei del Lazio.

 

Co2, compiendo la sua mission di comunicazione sociale, è portavoce delle proposte dei nostri giovani per rendere più efficiente, competitivo e innovativo il nostro paese:

1)Diritto allo studio, per garantire la competitività: corsi universitari bilingue italiano-inglese obbligatori; per favorire la trasparenza dell’amministrazione universitaria: digitalizzazione aree e servizi allo studente (aule interattive, accesso wi-fi gratis,etc..) pubblicazione on line dei risultati dei test di ammissione, concorsi di ricercatore e professore, bilancio annuale amministrazione. Le commissioni di valutazione d’esame devono essere esterne, i membri della commissione estratti a sorte. Sia gli studenti che i professori devono essere sottoposti a valutazioni esterne intermedie on line, con risultati test e aggiornamenti professionali pubblicati sul web.

 

2)Formazione e Occupazione, per connettere realmente università e mondo delle imprese verso l’innovazione sociale: partnership tra università e imprese a livello locale per garantire stage formativi durante il percorso di studi, studio di casi pratici per tesi universitarie, investimento in chiave di responsabilità etica d’impresa delle aziende sul territorio, in particolare nei servizi per gli studenti, anche per la riqualificazione delle aree (es. Sapienza, Polo Torvergata) per favorire la diffusione di attività extra-curriculari, migliorando gli spazi di co-progettazione, secondo i modelli di campus internazionali. La riduzione degli sprechi attraverso l’adozione di pratiche di sostenibilità (riciclo carta, raccolta differenziata) organizzate e gestite dagli studenti, in collaborazione con le Direzioni dei Dipartimenti, permetterà di reinvestire il risparmio nel miglioramento dei servizi;

 

3)Istruzione per tutti, impedire la riduzione dei fondi per gli scambi culturali internazionali, favorire la sensibilizzazione e la diffusione del programma Erasmus, Leonardo, Fulbright, con orientamento per gli studenti che vogliono aderire, garanzia di borse di studio non solo in ordine di progressività sulla base del reddito ma anche per merito. Favorire la realizzazione di giornate di scambi gratis di testi universitari e non, swap party della cultura, per promuovere la condivisione e dare a tutti accesso ai libri e ai testi d’esame spesso molto onerosi;

 

4)Integrazione minoranze, per favorire la diffusione di tutte le culture e garantire il rispetto delle minoranze: abbattimento delle barriere architettoniche nei poli universitari (es Cattolica, Torvergata), riconversione, riqualificazione e utilizzo degli spazi universitari per favorire incontri e eventi di integrazione, oasi del coraggio, centri di ascolto e promozione di attività cretive tra gli studenti di diverse cittadinanze; finanziamento di corsi di lingua dei sordi muti nelle facoltà di medicina per garantire la possibilità a questi pazienti di essere compresi direttamente e degnamente.

Tags

Voting

15 votes
Idea No. 41