www.primapersona.eu/lazio

Circolarità e sussidiarietà tra PA, associazioni e cittadini

ll momento storico contingente fa percepire con chiarezza quale importanza assuma lo sviluppo di un sistema che continui a tenere in conto il principio solidaristico, poiché proprio coloro che si trovano in condizione di maggior disagio rischiano di vedere peggiorare la propria condizione a causa della contrazione della spesa pubblica relativamente ai servizi sociali. A questo punto è opportuno ripensare il legame tra pubblica amministrazione e cittadini in un’ottica di circolarità, in cui l’iniziativa dei cittadini e delle forme di associazionismo vario supporta quella pubblica e viceversa, dando vita a nuove forme di governance in cui Pubblico, in particolare Enti Locali, Privato e cittadini siano alleati nella creazione di benessere comune.

Nello specifico questo significa:

- ascoltare il territorio e individuare i bisogni e le priorità

- aprire le fasi di progettazione e programmazione ai contributi e alle visioni degli attori attivi sul territorio. Bisogna dare vita ad un “welfare a misura di cittadino”, stimolando momenti di concertazione con la cittadinanza e le realtà che operano nel terzo settore che valorizzino la prossimità e la lettura dei bisogni concreti e diventino vincolanti rispetto all’attuazione di determinate prassi.

E' opportuno sviluppare forme di sostegno innovativo per promuovere il benessere della famiglia, ad oggi ancora uno dei più importanti ammortizzatori sociali nel nostro paese.

- Co-realizzare gli interventi ritenuti prioritari e co-valutare i risulti raggiunti e i bisogni soddisfatti in una logica condivisa. In questo senso, è urgente sostenere le idee efficaci: accanto ai finanziamenti pubblici, conta la volontà di dare visibilità e facilitazioni alle buone prassi, in un’ottica di sussidiarietà, sostenibilità ed economicità. Questo vuol dire realizzare sistemi di controllo della spesa per il welfare in ottica meritocratica premiando le esperienze virtuose e penalizzino gli sprechi e le inefficienze. A tal proposito, in ottemperanza alle norme sulla trasparenza e sulla digitalizzazione della pubblica amministrazione prevedere meccanismi di visibilità digitale, come ad esempio la pubblicazione annuale sul sito internet dell’ente dei risultati raggiunti in ragione dei bisogni da soddisfare e della domanda.

- sviluppare forme di sostegno innovativo per promuovere il benessere della famiglia, ad es.: da forme di conciliazione lavoro famiglia a servizi per l’infanzia, dove la presenza dello stato sia veicolo che alleggerisce il ruolo quasi esclusivo di ammortizzatore sociale della stessa ampliando i momenti di concertazione e di condivisione.

Tags

Voting

123 votes
Idea No. 5